giovedì, giugno 25, 2009

vivsezione del lutto

mia nonna è morta.
sette anni dopo mio nonno, dopo più di cinquant'anni di matrimonio. E forse aveva già iniziato a morire sette anni fa.
una morte attesa, dopo il lungo declino e anni di malattia, dall'Alzheimer, e soprattutto vista la condizione negli ultimi mesi che non riusciva più a mangiare, ma, anche se difficile dirlo, sperata, non poteva essere lasciata sola nemmeno un momento, voleva camminare senza riuscire a reggersi in piedi, senza riuscire a capire se si rendeva conto di quel che succedeva intorno. Mia mamma a passare le giornate a tenerla d'occhio.
E ora che non c'è più pensare che forse è meglio così, che finalmente mia mamma tornerà libera di vivere la sua vita. E la condizione sempre peggiore, le difficoltà e la faticha quotidiana nel tenerla sott'occhio senza avere un cenno di risposta se sapesse chi aveva davanti, ma nonostante tutto è così difficle sapere che ora veramente non c'è più, non è sapere della morte, vedere la salma... ma la bara chiusa, il saluto dei parenti... il funerale il vero momento finale.
un funerale, per mia fortuna veloce, pochi presenti ma soprattutto parenti cari, non sconosciuti che cercano di farsi vedere cari solo in certi momenti.

E ora riposerà sempre a fianco del nonno...come è sempre stata

3 commenti:

Krishel ha detto...

Un abbraccio forte forte da una che può capire cosa state passando. A te e a tua madre.

Anonimo ha detto...

Un abbraccio forte anche da me.
o.f.

Ilgriffoparlante ha detto...

Ti sono vicino Angelo,un'abbraccio!